Excite

Alimentazione sportiva pre gara: cosa mangiare prima di una competizione

L’alimentazione pre gara è fondamentale per chi pratica attività sportiva agonistica, oppure anche solo amatoriale di buon livello. Per ottenere la migliore prestazione fisica possibile, occorre presentarsi alla partenza con una buona riserva di energia, senza essere appesantiti da pasti eccessivi ed elaborati. L’idratazione del corpo è inoltre una delle preoccupazioni principali: un’eventuale disidratazione rischia di compromettere il rendimento. Ed è anche difficile recuperare nel caso si presenti. Insomma, bisogna valutare ogni singolo comportamento a tavola per avere un risultato apprezzabile.
    Dal web Toscanabike.it

Consigli base per alimentazione sportiva pre gara

Nell’alimentazione sportiva pre gara, il primo consiglio è quello di non consumare pasti tre ore prima dell’appuntamento, sia esso una partita di calcio, una corsa in bicicletta o una gara podistica. Inoltre, nel giorno della competizione, bisogna evitare l’assunzione di alimenti che richiedono una digestione lunga, come carne e cibi grassi: il pericolo è di avvertire un senso di pesantezza, che non è proprio la sensazione ideale. Pertanto è preferibile mangiare un piatto di pasta (circa 100 grammi) al pomodoro, che fornisce un contributo energetico importante. Per quanto riguarda l’idratazione, è necessario bere nelle ore prima dello sforzo, ma anche consumare frutta (senza esagerare perché esiste la possibilità di favorire l’attività intestinale).

La sintesi dell'alimentazione prima della gara

Parlando dell’alimentazione sportiva pre gara, bisogna tener presente anche dell’orario in cui è prevista l’impegno. Se è in programma in orari serali, il pranzo può essere abbastanza ricco con un apporto di amido (pasta, pane, patate), mentre nel pomeriggio si deve fare uno spuntino a base di alimenti dolci. L’ideale è qualche fetta biscottata con la marmellata. Per tutta la giornata, poi, è opportuno introdurre liquidi, magari bevendo del tè non troppo zuccherato. In sintesi: per un impegno in tarda mattinata (per esempio partita di tennis alle 11), serve una colazione che favorisca un apporto di fibre e carboidrati.
Per una competizione pomeridiana, un pranzo abbastanza leggero, consumato tre ore prima dell’inizio dello sforzo.Infine, per la serata un’alimentazione sostanzialmente “normale”, ma sempre evitando cibi grassi.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016