Excite

Cibi surgelati: quali sono i pro e i contro

I cibi surgelati sono spesso presenti nella nostra alimentazione: ma quali sono i pro e i contro? Il dibattito è molto ampio intorno a questi prodotti, che però risultano molto comodi per i ritmi di vita contemporanei, caratterizzati da grande stress e fretta. Prima di tutto va evidenziata una distinzione tra cibi surgelati e congelati: i surgelati sono realizzati su scala industriale e vengono sottoposti a un processo di congelamento all’origine, seguendo una specifica tecnica che permette di gelare i liquidi all’interno delle singole cellule. Pertanto l’alimento, nella fase di cottura, non perde le sue qualità originali. I cibi congelati non seguono una procedura specifica, in quanto il congelamento avviene anche dopo l’inserimento in un freezer domestico. Diventa così inevitabile la formazione di cristalli di ghiaccio all’interno del prodotto, provocando delle ‘rotture’ al suo interno con una conseguente perdita di parte delle proprietà nutritive.
    Dal web Guidagenitori.it

I pro dei cibi surgelati

Quindi quali sono i pro dei cibi surgelati? Come accennato in precedenza, consentono alle persone di preparare velocemente i piatti in poco tempo. Ma non c’è solo un aspetto pratico: questi prodotti, nella maggior parte dei casi, conservano le caratteristiche dei cibi freschi. La verdura è in tal senso un esempio perfetto: sugli ortaggi il processo tecnico previsto dal surgelamento diminuisce l’azione di enzimi e batteri, che invece deteriorano rapidamente il prodotto fresco esposto su un bancone di un mercatino rionale o di un supermercato. Paradossalmente gli ortaggi surgelati sono più integri di quelli “freschi”.
    Dal Web Guidaconsumatore.com

I contro dei cibi surgelati

Quali sono invece i contro dei prodotti surgelati? In primis bisogna prestare attenzione alla catena del freddo, la cui interruzione può provocare effetti negativi sullo stato dell’alimento e la perdita di proprietà nutritive. Inoltre, dopo lo scongelamento è preferibile che il consumo avvenga entro poche ore.
Infine, alcuni pesci come salmone e sgombro subiscono una forte diminuzione delle loro qualità benefiche dopo il surgelamento. Per quanto riguarda le carni, l’impatto in tal senso è minimo.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016