Excite

Come curarsi con la pizza margherita

Curarsi con la pizza margherita. Sembra una follia, l’ultima trovata pubblicitaria del sedicente nutrizionista di turno. Invece, fare della pizza un vero e proprio utilizzo terapeutico, oggi è possibile. Basta seguire poche (non troppo) semplici regole per la preparazione e potrete finalmente mangiare pizza margherita senza spiacevoli conseguenze per l’organismo.

Simbolo della dieta mediterranea

Innanzitutto, va precisato che la pizza margherita viene annoverata anche nei manuali di diete più famosi al mondo, in quanto facente parte a pieno titolo della dieta mediterranea, considerata sana e completa. E infatti, la stessa pizza rappresenta di per sé un pasto salutare, equilibrato e completo, perché dona il giusto apporto calorico e di carboidrati.

Scopri quali sono le migliori pizzerie d'Italia

Anche per la pizza – come per la pasta- va specificato che la demonizzazione di questi ultimi anni non trova affatto riscontro nella realtà. La pizza può realmente essere mangiata anche da chi sta seguendo una dieta per perdere peso. Al massimo una volta a settimana e a condizione che sia condita con semplice pomodoro, mozzarella e basilico freschi (naturalmente poco olio). Insomma, la classica margherita. Senza privilegiare gusti bizzarri o che prevedono aggiunte caloriche come salame, prosciutto o salsine varie.

Proprietà terapeutiche

Ad incidere fortemente sul concetto di pizza terapeutica è ovviamente l’elaborato e delicato processo di lievitazione. Se la pizza non presenta tracce di lievito attivo nell’impasto finale allora può dirsi una pizza facilmente digeribile. Non vi si piazzerà sullo stomaco come un macigno e non vi sentirete la pancia gonfia. In questo modo, anche chi soffre di gastrite o di reflusso gastro-esofageo, potrà degustare tranquillamente una golosa pizza napoletana.

Scopri come fare la pizza in padella

Se poi per l’impasto della pizza margherita utilizzassimo solo acqua di mare pura (come fa il maestro pizzaiolo Guglielmo Vuolo), otterremmo una pizza perfettamente adatta anche a chi soffre di colesterolo alto o ipertensione. L’uso dell’acqua marina, infatti, eviterà l’aggiunta di sale nell’impasto (e a volte anche nel condimento) rendendo di fatto la pizza più salutare e digeribile.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017