Excite

I peperoni: ortaggi ricchi di vitamina C

I peperoni (Capsicum annum) sono un ortaggio della famiglia delle Solanacee originario dell'America del Sud. La pianta del peperone è un arbusto dal portamento eretto con foglie verdi lucide e fiori bianchi che compaiono sulle foglie uno per nodo. Della pianta del peperone consumiamo il frutto, una bacca cava e carnosa inizialmente verde, ma che a completa maturazione dei semi assume una colorazione gialla o rossa. I peperoni trovano un impiego molto alto e vario in cucina: innanzitutto possono essere mangiati crudi nelle insalate, in un pinzimonio oppure essiccati (quelli piccanti). Poi possono essere arrostiti per preparane un’ottima peperonata o imbottiti con pasta o riso e cotti al forno. Oppure un'altra gustosa ricetta – la caponata – abbina il peperone fritto a patate e melanzane. Infine, i peperoni vengono utilizzati anche per preparare gustose conserve sott’olio o sott’aceto.

Coltivazione

I peperoni sono coltivai e diffusi in tutto il mondo, soprattutto in America centro-meridionale, Asia, Africa ed Europa. Per coltivare il peperone è necessario un clima caldo, tipicamente mediterraneo, che oscilla dai 15-17 gradi di notte e i 27-30 gradi di giorno. E’ una pianta molto sensibile sia alle temperature basse sia alle temperature troppo alte, specie se accompagnate da vento: la semina si effettua da gennaio-febbraio e la messa a dimora dopo le gelate e quindi in primavera.

Tipologia
Esistono numerosi tipi di peperoni, che possono essere divisi in queste macro aree:

  • dolce
  • piccante
  • allungato
  • quadrato
  • tronco

Proprietà alimentari

La principale proprietà nutritiva dei peperoni è il suo elevato contenuto di vitamina C e, in misura minore, di vitamina A. Inoltre, essendo davvero poco calorico – visto che è costituito per oltre il 90% di acqua – è un alimento molto indicato per la cucina dietetica e le diete dimagranti. I peperoni dolci sono molto più digeribili e facile da mangiare della varietà piccante, che tuttavia è più ricca di vitamine, di carotenoidi e di sali minerali quindi è ottima contro i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare, stimola la circolazione del sangue prevenendo le malattie vascolari. Per contro, però, i peperoni piccanti contengono molto acido ascorbico e sono sconsigliati a chi soffre di ulcera o iperacidità gastrica ed, ovviamente, ai bambini.

Lo sapevi che…

La presenza di capsicina, e cioè l’alcaloide che conferisce ai peperoni il sapore piccante, si misura con la scala Scoville: nei peperoni dolci ci sono da 0 a 500 unità di capsicina, mentre in quelli piccanti fino a 300.000 unità.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016