Excite

Infuso di rosa canina e sue proprietà terapeutiche

Per la rosa occorerebbe una intera trattazione, dedicata a dimostrare la storia dei suoi impieghi più svariati e che abbracciano il mondo del settore floricolo, cosmetico e farmaceutico. E proprio in riferimento a quest'ultimo caso che sarà descritta la preparazione di un infuso di rosa canina e delle proprietà terapeutiche in esso contenute.

Occorrente e preparazione dell'infuso di rosa canina

Innanzitutto occorre sapere che le parti erboristicamente più interessanti di questa pianta sono le foglie e i falsi frutti (cinorrodonti), che sono rappresentati, botanicamente parlando, da alcuni acheni ovali dalla superficie pelosa, racchiusi nel ricettacolo e che a maturazione diventa carnoso.

Qui di seguito vi verrà spiegata la preparazione dello infuso di rosa canina, sfruttando le proprietà proprio di questi falsi frutti che grazie al loro contenuto di vitamina C, offrono un valido aiuto negli stati di avitaminosi e di affaticamento generale.

Ingredienti:

  • 4 g di acheni
  • 100 g di acqua
  • miele

Innanzitutto dovete incominciare riducendo i falsi frutti in piccole parti (mai in polvere) e per la loro frantumazione potete utilizzare un mortaio, possibilmente in vetro o in pietra; se non lo possedete può andare bene anche un frullatore elettrico.

Quindi procedete alla preparazione dell'infuso in modo simile al the. Portate quindi l'acqua vicino al punto di ebollizione ma non a completa ebollizione, poichè porterebbe alla dispersione nel vapore dei preziosi oli volatili.

Mettete i falsi frutti in una tisaniera e versateci sopra l'acqua calda che avete preparato. Lasciate in infusione per un tempo massimo di 10 minuti, poi filtrate mediante un colino.

Ed infine zuccherate a piacere, addolcendo con il miele.

Somministrazione e consigli

La somministrazione dell' infuso di rosa canina per le proprietà terapeutiche vitaminizzanti e digestive può essere bevuto anche due o tre volte al giorno. L'utilizzo dell'infuso dovrebbe essere immediato, ma eccezionalmente si può conservare in una caraffa di vetro, in un luogo fresco o in frigorifero ma non più di oltre le 24 ore.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016