Excite

Menta, pianta dal profumo intenso e dalle proprietà medicinali

La menta (genere Mentha) è una pianta erbacea perenne, stolonifera, fortemente aromatica, che appartiene alla famiglia delle Labiate (Lamiaceae). Cresce in modo massiccio in tutta Europa, in Asia e in Africa e predilige sia le posizioni in pieno sole che la mezza ombra, ma può resistere anche a basse temperature. Molto conosciuta già dal tempo degli Egizi e dei Romani, veniva usata da Galeno come pianta medicinale. La sua grande aromaticità la rende perfetta per la preparazione del decotti ed infusi (come il thè alla menta), per cocktail (come il famosomojito) o per la decorare ed insaporire i piatti (come ad esempio le zucchine alla scapece nella cucina campana).

Coltivazione

Di facile coltivazione, predilige una zona poco ombrosa e umida. La moltiplicazione avviene per talea, oppure per divisione dei cespi, a fine settembre. Alla base della pianta si formano degli "stoloni" da cui hanno origine nuovi germogli che verranno usati per rinnovare le colture. Se coltivata in zone di scarsa umidità, la pianta guadagnerà in ricchezza di essenza ma perderà in sviluppo. La raccolta della menta viene fatta quando la pianta è completamente fiorita e portata nelle apposite distillerie, mentre per uso domestico viene essiccata in luogo fresco e arieggiato.

Tipologia

  • Mentha aquatica - cresce in Italia allo stato spontaneo in zone umide, mentre in Germania viene coltivata. I fiori sono globosi e sbocciano da giugno a settembre.
  • Mentha arvensis- ha foglie che possono raggiungere anche 4 cm di larghezza, cresce spontanea in Toscana e Abruzzo e viene invece coltivata in Cina e Giappone.
  • Mentha citrata o "Mentha bergamotto" - cresce in Europa, è una pianta che raggiunge i 30 cm di altezza con foglie molto scure ed un profumo rinfrescante,
  • Mentha gentilis - ha foglie e stelo molto pelosi e fiori color porpora.
  • Mentha aurea - con foglie striate di giallo
  • Mentha piperita - originaria dell'Inghilterra, è un ibrido tra la mentha aquatica e la mentha viridis ed è tra le più conosciute della sua specie. Molto diffusa in Italia settentrionale.
  • Mentha pulegium - detta "mentuccia" in alcune zone, è molto diffusa in Italia. Ha foglie ovali, piccole e vellutate.
  • Mentha requienii - molto nota in Corsica e in Sardegna, ha le foglie piccole e tonde e fiori color malva.
  • Mentha rotundifolia - o mentastro, cresce spontanea in cespugli e ha foglie piccole e rotondeggianti con peluria biancastra.
  • Mentha longifolia - ha foglie ovali, un'altezza tra i 40 e gli 80 cm, i fiori sono a spiga di color bianco o rosa, spontanea in tutta Italia.
  • Mentha spicata o Mentha viridis – detta anche menta romana ha steli rossastri, foglie lunghe e fiori rosati; molto comune e tra le più coltivate in Inghilterra, cresce in America Settentrionale ed in tutta Italia.
  • Mentha cervina - varietà diffusa in Africa settentrionale e nel sud-ovest europeo.

Proprietà alimentari

In medicina la menta è conosciuta fin dall'antichità per le sue funzioni di digestivo, stimolante delle funzioni gastriche, antisettico ed antispasmodico e tonificante ed è quindi molto usata per i disturbi dell’apparato gastrointestinale. Inoltre, ha effetti positivi su tutto il sistema nervoso in quanto regala prontezza ed agilità mentale. La menta è, infine, anche un ottimo antisettico, è vermifuga e svolge anche una buona azione antidolorifica e antinevralgica, soprattutto contro cefalee, mal di testa e mal di denti.

Lo sapevi che…

Secondo la leggenda, la menta prende il nome dalla ninfa Myntha, amata da Plutone, che venne trasformata in pianta da Proserpina.

Scopri come preparare un buon mojito, cocktail a base di menta e rum

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016