Excite

Ricette vegane senza glutine: falafel e insalata russa

Ci sono tante ricette vegane senza glutine che possono soddisfare il palato. Diamo perciò qualche suggerimento per piatti tipici, magari in versione leggermente rivisitata.
    Dal web Wikipedia

Falafel: una ricetta vegana e senza glutine

Il falafel, specialità tipicamente mediorientale, è una scoperta più che piacevole. Gli ingredienti sono semplici e la quantità varia in base alle persone da invitare. Di base prendiamo 300 grammi di ceci, 2 (o anche 3) spicchi d’aglio, prezzemolo, una cipolla (in alternativa lo scalogno), farina, sale, pepe, coriandolo, oltre ovviamente all’olio che serve per la friggere l’impasto. La preparazione prevede prima di tutto la fase di ammollo per i ceci, che vanno poi tritati e messi insieme ad aglio e prezzemolo, adeguatamente fatti a pezzettini. Dopodiché occorre mettere la farina e fare attenzione a creare un impasto denso, creando una forma di polpettina: l’obiettivo è quello di non farla sbriciolare durante la fase di cottura.
Per insaporire il tutto, si devono poi aggiungere le spezie, sale, pepe e coriandolo. Infine, c’è la fase di frittura.
    Dal Web Wikipedia

Insalata russa: gustosa e senza glutine

Tra le ricette vegane senza glutine è possibile annoverare anche quella dell’insalata russa. Insomma, un altro classico proposto in una maniera leggermente diversa, venendo incontro a determinate esigenze alimentari. Gli ingredienti sono (per 3 persone): 50 millilitri di latte di soia, 100 di olio di mais, 1 cucchiaio di aceto di mele, un po’ di succo di limone, e 100 grammi di carote, patate e piselli. La preparazione, in questo caso, è addirittura più semplice rispetto al felafel: bisogna infatti far bollire le patate e le carote dopo averle pelate. In seguito bisogna frullare latte di soia, olio di mais, e il succo di limone. Non appena le carote e le patate avranno completato la lessatura, vanno tagliate a piccoli pezzi e amalgamate con il resto, compresi i piselli e la maionese. L’insalata russa va servita fredda dopo essere stata in frigo per un po’ di tempo. Quindi è opportuno prepararla almeno un’ora e mezza prima di metterla a tavola.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016