Excite

Tofu fatto in casa: ecco come si prepara

Conosciuto come il formaggio consumato dai vegetariani, il tofu suscita spesso molte perplessità in chi lo assaggia per la prima volta. Il suo sapore è completamente diverso da quello dell’alimento con il quale viene paragonato e anche il suo contenuto in grassi è notevolmente inferiore. Queste caratteristiche lo rendono un alimento adatto a chi deve seguire una dieta povera di grassi animali o alle numerose persone che soffrono di allergie o intolleranze al lattosio.Oggi molte persone imparano a preparare il tofu fatto in casa, perché oltre ai benefici appena descritti, possono gustare un alimento dal sapore decisamente migliore, rispetto a quello acquistato già pronto

Ricetta per fare il tofu in casa

Il procedimento, che consente di ottenere circa 650 g di tofu fatto in casa, è piuttosto lungo ma anche tanto semplice da renderla una ricetta alla portata di tutti.

Ingredienti

  • 500 g di soia gialla, preferibilmente biologica
  • 5 litri d'acqua
  • 1 cm di alga Kombu (facoltativo)
  • 7,5 g di nigari (cloruro di magnesio, si acquista anche in farmacia) oppure tre limoni

Preparazione

La sera precedente, mettete la soia in 1 l di acqua fredda, col pezzetto di alga kombu.

Il tempo d'ammollo è di circa 12 ore, e trascorso questo lasso di tempo i fagioli si presenteranno allungati e gonfi.

Mettete sul fuoco una pentola abbastanza grande da contenere 4 litri d'acqua e non essere colma, e cominciate a farla scaldare.

Frullate la soia, aiutandovi con una parte dell'acqua calda, e riducetela in purè. Versate i fagioli frullati nella pentola con l'acqua ormai calda, portate a ebollizione e controllate spesso perché il composto tende a straripare. Lasciate sobbollire per 10 minuti e spegnete il fuoco.

Prendete un'altra pentola capiente e ponete sopra questa uno scolapasta rivestito da un telo da cucina di cotone.

Con un mestolo cominciate a versare nello scolapasta il purè di fagioli appena sobbollito, in modo da filtrarne il contenuto.

Il liquido lattiginoso colerà dentro la pentola, mentre nel telo da cucina resterà l'okara, un insieme di fibre e proteine che potrete riutilizzare per altre ricette.

Proteggete le vostre mani con guanti di gomma, chiudete i lembi del telo e strizzate bene per far uscire tutto il liquido. Mettete sul fuoco la pentola con il liquido lattiginoso raccolto e fate sobbollire 10 minuti, prima di spegnere nuovamente la fiamma.

Aspettate 5 minuti e iniziate a sciogliere il nigari in poca acqua calda. Versatelo dentro il liquido in tre momenti distinti e, ogni volta, mescolate durante il procedimento e lasciate riposare per 10 secondi dopo ognuna di queste tre fasi.

Dopo poco tempo il liquido da lattiginoso, diventerà sempre più trasparente e inizierà a comparire il tofu.

Con un mestolo forato prendete il tofu e mettetelo in uno scolapasta rivestito da un telo o dentro una fascina da ricotta. Chiudete i lembi dello strofinaccio e ponete un piatto con un peso sopra di esso, per far uscire il siero rimanente.

Lasciatelo così per 30 minuti, poi tiratelo fuori e conservatelo in una ciotola con dell’acqua.

Tempo di preparazione: 1 ora (escluso l’ammollo)

Tempo di cottura: 20 minuti

Difficoltà: bassa

Il consiglio in più

Potete preparare un tofu aromatizzato cospargendolo con le spezie e gli aromi preferiti, dopo averlo strizzato per eliminare il siero.

Un alimento naturale

Il tofu fatto in casa, potrà essere conservato in frigo per dieci giorni.

Se lo preferite potrete utilizzare anche il succo di tre limoni che renderà il sapore finale leggermente diverso, ma non modificherà nessuna delle proprietà nutritive che lo rendono uno degli alimenti più apprezzati e versatili della cucina vegetariana.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016