Excite

Vini spagnoli: il Porto

Il Porto è uno dei vini liquorosi più venduti al mondo, prende il nome dalla città di Oporto, in Portogallo, da dove veniva imbarcato ed esportato soprattutto verso l'Inghilterra. I Fenici e i Greci diffusero la cultura del vino in questa regione, poi successivamente, dal 1600 furono proprio gli inglesi a cercare in queste zone vini a basso costo, per evitare di acquistare quelli dei nemici francesi. Da allora si diffuse la produzione di massa di questa bevanda che si forma nella valle del Douro, un fiume che nasce in Spagna col nome Duero e prosegue verso questa zona interna, tra valli scoscese, dove l'escursione termica dà il carattere all'uva.

Varietà uva

Nel corso dei secoli si è sempre cercato di creare il Porto solo con un particolare tipo di uva, ma non è stato mai possibile. Il Porto Rosso, ad esempio, nasce da cinque varietà : la Tinta Cão, Tinta Barroca, Touriga Nacional, Touriga Francesa e Tinta Roriz o Tempranillo. Per il Porto bianco si usano il Gouveio, Folgasão, Malvasia Fina, Donzelinho Branco, Esgana-Cão, Viosinho e Rabigato.

Epoca vendemmia/vinificazione

La vendemmia avviene in periodi molto caldi e ha una particolare vinificazione. Infatti, la fermentazione delle uve viene detta incompleta, poiché viene fermata all'inizio attraverso l'aggiunta di alcol vinico. Questi si ottiene dalla distillazione del vino che contiene il 77% di alcol. Così nasce quel sapore dolce, dal residuo zuccherino rimasto nella botte a causa della fermentazione bloccata.

Note sensoriali

Il Porto è uno dei vini più dolci in commercio, quello bianco è ancora più zuccherino, mentre quelli rossi, hanno un sapore anche fruttato. I vini più noti sono il Porto Ruby, colore rubino chiaro, nasce dall'invecchiamento di 4 o 5 anni in legno, ha un sapore aromatico ai frutti rossi, poi c'è il Porto Tawny, che sta in botte dai 4 ai 6 anni e il Porto più famoso, il Vintage creato con uve di una sola vendemmia avvenuta nelle grandi annate, che si conserva negli anni con il suo sapore intenso.

Abbinamenti

Ottimo da solo, questo vino può essere anche un buon aperitivo o un dopocena. Oltre a non disdegnare gli aperitivi questa bevanda può unirsi con formaggi piccanti, ma anche con dolci e dessert. Alcuni lo preferiscono accompagnato dalla torta Sacher o è utilizzato per insaporire e cucinare pesce e carne.

Temperatura di servizio

Il Porto rosso va servito a 15-20°C, mentre quello bianco deve essere più fresco, tra gli 8 e i 12°C.

Lo sapei che...

Il Porto Vintage è molto costoso, proprio perché creato con uve di ottima annata, poi, secondo tradizione inglese la bottiglia di questo vino veniva fatta passare tra i commensali in senso antiorario senza poggiarla sulla tavola.

Scopri il vino piemontese, il Barolo

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016