Excite

Vino novello: ecco come si fa

Arriva il periodo di vino novello: ma come si fa a prepararlo? Il nome, infatti, può trarre in inganno, lasciando pensare alla produzione della nuova stagione al termine della vendemmia. Invece bisogna principalmente sapere che non si tratta di un prodotto di qualità minore, come talvolta si tende a credere. Il fatto che piaccia anche a chi non è intenditore, o a chi solitamente non beve vino, è un elemento positivo. Per capire di cosa stiamo parlando, occorre evidenziare che il vino novello viene considerato a tutti gli effetti la risposta italiana a una delle eccellenze francesi, il beaujolais nouveau. Insomma siete ancora convinti che sia qualcosa di inferiore?
    Dal web Wikipedia

Ecco la preparazione del vino novello

Ora passiamo alla domanda più importante: come si fa a preparare il vino novello? Per eseguire un “buon lavoro”, occorre attenersi a una precisa procedura di preparazione che presenta della varianti rispetto a quello tradizionale. Ed è proprio così che è possibile fornire una spiegazione del sapore particolare.I grappoli, presi per intero, vengono messi in appositi contenitori di acciaio in cui viene immessa dell’anidride carbonica. Le uve vengono lasciate all’interno, a una temperatura di 28°C massimo 30°C, per un periodo che va da un minimo di una settimana a un massimo di 18 giorni. Grazie a questa tecnica, viene consentita l’autofermentazione che trasforma in alcol gli zuccheri presenti nella frutta.
Così viene stimolata la produzione del glicerolo, ossia l’elemento necessario a garantire al vino quello che viene definita “morbidezza”. Per un profano questo corrisponde al sapore più leggero.
    Dal Web Wikipedia

Come si fa a prepara il vino novello

Tuttavia, per completare la preparazione del vino novello, c’è bisogno di pigiare l’uva e seguire la normale fermentazione, con un completamento delle operazioni in meno di una settimana.Non appena il mosto sarà diventato vino, c’è la fase di travasamento e di filtraggio. Così il vino novello è pronto per essere consumato, portando a tavola un sapore diverso. Ma non per questo più facile.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016