Excite

Vino porto bianco: abbinamenti noti e meno noti

Il porto è un vino liquoroso (o vino fortificato) prodotto nella regione del Douro, in Portogallo. Ne fanno parte una serie di tipologie che prendono il nome, “porto”, dalla città vicino alla zona di produzione, Oporto. Sebbene questi tipi di vini, ad alta gradazione alcolica, sono spesso bevuti da soli, cioè sono, come si usa dire, “da meditazione”, possono accompagnare piacevolmente determinati cibi. In questo articolo parleremo in particolare del vino porto bianco, gli abbinamenti e le caratteristiche principali.

Non solo dolce

Il porto bianco si ottiene esclusivamente dalla vinificazione delle uve bianche. Per questo vino, cioè, non si opera vinificando in bianco uve con buccia scura, come succede per altri tipi di vini. Le uve da cui si produce sono varie: Donzelinho Branco, Folgasão, Malvasia Fina, Esgana-Cão, Viosinho e Rabigato, Gouveio, e sono miscelate tra loro in proporzioni studiate in modo da ottenere un vino dalle migliori proprietà organolettiche. Sebbene si conoscono alcuni tentativi di questo tipo, attualmente non si usa praticamente mai un monovitigno.

Il porto si ottiene aggiungendo alcol ottenuto dalla distillazione del vino ad un certo punto della fermentazione del mosto. Questo , in pratica, ha l’effetto di bloccarla. L’elevato tenore zuccherino, causato dalla mancata trasformazione in alcol, determina il sapore, piuttosto amabile, del vino porto.

Il porto bianco, da questo punto di vista, è commercializzato in funzione del grado di dolcezza, avremo quindi il porto bianco secco, semi secco e dolce, sebbene anche in quello secco un sentore di dolce non va perso completamente.

La sua gradazione alcolica è piuttosto elevata, come deve essere un vino classificato come “liquoroso”, e può andare dai 18 gradi ai 22 gradi.

A differenza degli altri tipi di porto, che vanno serviti a temperatura ambiente, si consiglia di servire il porto bianco per la degustazione a temperature relativamente basse, tra gli 8 e i 10 gradi centigradi.

L’aroma e le sensazioni olfattive legate al porto bianco sono piuttosto decise. Aromatico, profumato e vellutato, il porto bianco va accostato a cibi che non si fanno sopraffare dalla forte personalità di questo vino. Quindi per il vino porto bianco troveremo abbinamenti ottimali, in genere, con piatti dai gusti non certamente sfumati o eterei.

Il porto bianco secco può essere utilizzato anche come aperitivo. In questo caso è da preferirsi il tipo secco. L’accompagnamento ideale è con stuzzichini tipici portoghesi, come crostini con paté di tonno, sardina o merluzzo, o anche con formaggi piuttosto saporiti.

Un altro abbinamento suggerito, sempre per il tipo secco, è con il baccalà alla portoghese. Il baccalà è un pesce dal sapore piuttosto deciso che ben si accosta al sapore del porto bianco.

Per un matrimonio gastronomico tra Portogallo e Francia, è possibile pensare di accoppiare l’ottimo paté di foie gras del Perigord su pane in cassetta tostato con un porto bianco semi dolce, in sostituzione del piu’ tradizionale Souterns.

Come per gli altri vini porto, anche il bianco si sposa meravigliosamente con i formaggi cremosi e saporiti, come ad esempio gli erborinati, sia francesi, come il noto Roquefort, che il nostro gorgonzola, preferibilmente di media stagionatura.

Un altro abbinamento tipico che si consiglia con il vino porto e dove certamentenon sfigura il tipo bianco è con la frutta secca: arachidi tostate, noci, nocciole e anacardi.

Gli abbinamenti piu’ classici, e in questo caso è preferibile il porto bianco semi dolce o dolce, è comunque con il dessert. In Portogallo adattissimo a questo scopo è il budino chiamato “budim a bade de priscos”, contenente il porto, oppure le saporose paste di marzapane e mandorla (doces de amendoa).Molto apprezzato è anche l’abbinamento con la mitteleuropea “sacher torte” e, in generale, con dolci contenenti cioccolato. A questo punto, perché non abbinare al porto bianco del cioccolato puro, sia fondente che, perché no, bianco, come il porto con il quale si adatta perfettamente anche dal punto di vista del colore?

Il porto bianco per cucinare

Per concludere la chiacchierata sul vino porto bianco e gli abbinamenti possibili e consigliati, possiamo considerare i numerosi piatti che tra gli ingredienti annoverano questo vino, che sicuramente si adatterà anche ad accompagnarli.

Gustosi e sicuramente intriganti sono i gamberoni al porto bianco, dove il vino è fatto sfumare nella padella dove sono saltati i gamberi.

Interessanti le polpette di carne bianca con salsa al porto bianco. Le polpettine sono fritte e la salsa che ha come ingrediente questo vino è adatta ad un piatto che ricorda un po’ certe preparazioni orientali.

Ancora carne bianca per queste scaloppine di pollo al porto bianco. Le fettine di pollo, infarinate, sono passate in padella con del burro sciolto e portate a cottura sfumando con il porto bianco.

Infine, passiamo ad un dolce: la gelatina di melone con salsa al porto bianco. Il melone è un frutto che si accosta molto bene a questi vini, e prevederli anche nella preparazione non guasta certo.

cucina.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016